fbpx

Salute

Combattere l’artrite con i rimedi naturali

Condividi questo articolo su

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

L’artrite reumatoide è una malattia sistemica cronica autoimmune che riduce la qualità della vita e ne accorcia la durata.

L’artrite reumatoide è caratterizzata da infiammazione della sinovia delle articolazioni, che provoca dolore e rigidità, e la distruzione della cartilagine e dell’osso. Ulteriori sintomi includono deformità e limitazioni nelle capacità fisiche del paziente.

La review  su “Il ruolo dei composti bioattivi della nigella sativa nella terapia dell’artrite reumatoide” pubblicata il 25 settembre 2021 dal Dipartimento di Dietetica dell’ Università di Rzeszow in Polonia sul Journal of Nutriens ha valutato l’efficacia clinica del cumino nero (Nigella sativa), nel trattamento delle malattie autoimmuni, inclusa l’artrite reumatoide.

Il cumino nero è incluso nella famiglia delle Ranunculaceae ed è classificato come erba medicinale dalla lunga tradizione storica per la presenza di vari composti bioattivi, che determinano i suoi effetti terapeutici, comprese le proprietà antinfiammatorieantiallergicheantitumoraliipoglicemizzantiantiossidantiipotensiveipolipemizzanti e immunomodulanti.

Il seme di cumino nero e, in particolare, il suo olio essenziale, contiene timochinone, timoidrochinone, timolo, carvacrolo, nigellidina, nigellinina e α-ederina, i principali responsabili degli effetti farmacologici e dei benefici terapeutici.

L’uso dei farmaci impiegati per il trattamento è per lo più associato a vari effetti collaterali. 

Pertanto, recentemente, c’è stato un crescente interesse per le terapie complementari prive di effetti collaterali negativi.

La medicina contemporanea si è sempre più interessata ai metodi della medicina popolare, utilizzando le piante medicinali nella prevenzione o nel trattamento di supporto di numerose malattie.

I semi e l’olio di cumino nero sono stati usati come agenti medicinali nella medicina popolare per oltre 2000 anni.

Erano considerati un farmaco efficace “in ogni condizione tranne la morte”.

L’olio di semi di Nigella sativa è usato localmente in Arabia Saudita per trattare dolori articolari e rigidità, e la medicina tradizionale iraniana conferma la sua efficacia nel ridurre il dolore articolare.

Valutazione del suo utilizzo come metodo alternativo, naturale o in aggiunta al trattamento dell’artrite.

Lo studio condotto da Magdalena Zielińska et al. ha analizzato il ruolo dei principi bioattivi contenuti nel cumino nero nel trattamento dell’artrite reumatoide.

Attualmente è coltivato anche in molti paesi del mondo, tra cui la regione mediterranea, il Medio Oriente e il Sud Europa, ma principalmente in India, Pakistan, Siria, Turchia e Arabia Saudita.

I semi di Nigella sativa della migliore qualità provengono dall’Egitto perché è l’ambiente più adatto per la loro crescita.

La composizione chimica dei semi di Nigella sativa varia a seconda del metodo di coltivazione e del terreno.

Verdastro et al. esaminò per la prima volta i semi di Nigella sativa nel 1880, mostrando la presenza di carboidratiproteinegrassifibre e vitamine.

Le analisi mostrano anche che i semi di Nigella sativa contengono principalmente acidi grassi: acido linoleico (64,6%) e acido palmitico (20,4%).

L’olio di semi contiene lo 0,4–2,5% di olio essenziale. È stata anche determinata la quota di fibra solubile (20,5–27,1 g/100 g) e insolubile (6,5–8,9 g/100 g) nei semi di Nigella sativa.

È stato dimostrato che il contenuto totale di steroli nell’olio di semi di cumino nero varia dal 18% al 42% e i principali steroli identificati sono β-sitosterolo, campesterolo, stigmasterolo e 5-avenasterolo.

È stato inoltre caratterizzato il contenuto totale di tocoferoli nell’olio di semi di cumino nero, compreso tra 9,15 e 27,92 mg/100 g, principalmente α-, β- e -tocoferolo.

Il componente principale dell’olio essenziale ottenuto dai semi di Nigella sativa è il timochinone (TQ, 5-isopropil-2-metil-1,4-benzochinone), che è il composto più bioattivo e che presenta un’ampia gamma di proprietà terapeutiche e benefici.

Il contenuto dei singoli componenti nell’olio essenziale, compreso il TQ, dipende dall’origine della pianta e dalla conservazione dei semi, ma anche dal metodo di produzione mediante estrazione supercritica di CO2 e il metodo di estrazione Soxhlet. Inoltre, le analisi fitochimiche dei semi di Nigella sativa hanno mostrato la presenza di oltre 100 fitonutrienti. 

Tuttavia, molti di essi non sono stati ancora identificati chimicamente e nemmeno la loro attività biologica è stata verificata.

Il timochinone supporta l’attività di vari enzimi antiossidanti, come glutatione perossidasi, catalasi, glutatione S-transferasi e glutatione reduttasi, agendo come neutralizzatore di radicali liberi e perossidi (specie reattive dell’ossigeno). Questi composti inibiscono anche la cicloossigenasi e la 5-lipossigenasi nella cascata della via dell’acido arachidonico.

Gli studi hanno confermato che il TQ contenuto nell’olio di Nigella sativa somministrato a pazienti affetti da artrite reumatoide mostra un effetto protettivo e riduce il punteggio sulla scala di attività dell’artrite (punteggio di attività della malattia – DAS 28) e il riassorbimento osseo.

Hadi et al. hanno mostrato che i componenti del cumino nero riducono simultaneamente lo stress ossidativo e influenzano il processo infiammatorio inibendo l’attività di NF-κB, che è indotta da TNF-α, IL-6 e altre citochine, portando alla persistenza dell’infiammazione.

L’aumento del livello e dell’attività delle citochine pro-infiammatorie, vale a dire TNF-α, IL-1 e IL-6, portano a un’infiammazione incontrollata che danneggia ossa e cartilagine e causa sintomi di artrite reumatoide. Inoltre, la Nigella sativa mostra un’attività immunomodulante, che è un altro fattore che potrebbe influenzare l’artite.

I risultati degli studi in vitro indicano l’influenza della Nigella sativa sul decorso dell’artrite dimostrando le forti proprietà antinfiammatorie e antiossidanti del TQ.

Una questione importante per quanto riguarda l’uso dell’olio di Nigella sativa nella terapia della artrite reumatoide è la sua sicurezza per i pazienti.

La valutazione degli effetti collaterali dell’uso orale dell’olio di Nigella sativa alle dosi raccomandate non ha rivelato effetti avversi.

Hadi e Kheirouri et al. determinato la dose ottimale di Nigella sativa nell’artrite reumatoide a 500 mg, due volte al giorno per 8 settimane.

Oltre al timochinone, ci sono molti composti attivi che influenzano sinergicamente le proprietà salutari di questa pianta. È importante standardizzare i composti bioattivi presenti negli integratori di Nigella sativa per garantire qualità, efficacia e sicurezza durante l’assunzione di questi preparati per i pazienti.

La Nigella sativa ha effetti analgesici, antinfiammatori, immunomodulatori e di riduzione delle lesioni da artrite in studi clinici in vitro.

È stato anche dimostrato che la Nigella sativa riduce lo stress ossidativo nei pazienti con artrite e l’integrazione con l’estratto di semi può essere una terapia aggiuntiva benefica in questa popolazione di pazienti. Il timochinone, il principio attivo presente nella Nigella sativa, ha un effetto benefico sui parametri clinici, infiammatori, ossidativi e immunitari nell’artrite.

 

Condividi questo articolo su

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potresti essere interessato anche a questi articoli

Non solo un software, ma un metodo scientifico per la valutazione dello stato nutrizionale.

Con Morphogram PRO analizzi stile di vita, composizione corporea, fattori di rischio, dispendio energetico e fabbisogno nutrizionale, anche nelle visite online.

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI

Morphogram professional development

Iscriviti alla newsletter

Solo contenuti di valore per la tua
crescita professionale

Categorie articoli