fbpx

Salute

Obesità: definizione, prevalenza e fattori di rischio associati

Condividi questo articolo su

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’obesità è definita come una condizione di accumulo anormale o eccessivo di grasso nel tessuto adiposo, al punto che la salute può essere compromessa.  È una malattia eterogenea e multifattoriale, influenzata da fattori genetici, ambientali e psicologici.

La quota di persone obese in Italia si attesta intorno all’11% (2019), significativamente inferiore a quella di altri Paesi dell’area mediterranea molto simili al nostro, come Francia (15,4%) e Spagna (16,9%). 

Per i paesi d’oltre oceano, invece, la prevalenza dell’obesità è molto più elevata, addirittura di quasi tre volte superiore alla stima dell’Italia (superiore al 30%). La distribuzione dell’obesità negli adulti sul territorio nazionale è marcatamente diversa tra Nord e Sud: nel Nord-ovest e nel Centro la prevalenza negli adulti si attesta intorno al 10%, mentre nel Sud raggiunge il 12,4%. 

Inoltre, dalla letteratura emerge che persone con un basso livello socioeconomico hanno una probabilità doppia di diventare obese e che l’obesità sembra essere associata anche al livello di formazione scolastica; infatti, c’è una forte associazione tra l’eccesso di peso e un basso titolo di studio.

L’obesità è un noto fattore di rischio per numerosi problemi di salute, tra cui ipertensione, colesterolo alto, diabete, malattie cardiovascolari, problemi respiratori (asma), malattie muscolo-scheletriche (artrite) e alcune forme di cancro, e anche la mortalità aumenta progressivamente una volta superata la soglia del sovrappeso. Inoltre, il sovrappeso, e l’obesità in particolare, sono risultati associati a maggiori rischi di sviluppare una polmonite grave e di morire tra i pazienti COVID-19.

Un fattore chiave della crescente epidemia di obesità è un ambiente alimentare che sta cambiando, in cui gli alimenti trasformati poveri di nutrienti e densi di energia sono commercializzati in modo aggressivo, facilmente disponibili e spesso più economici delle alternative più sane. Le priorità economiche e le politiche che promuovono la crescita basata sul consumo, e le politiche che promuovono la liberalizzazione del mercato e del commercio sono sempre più considerate come contribuenti all’aumento globale dell’obesità.

La definizione dell’OMS di sovrappeso infantile e adolescenziale è un BMI superiore a una deviazione standard sopra la mediana, e la definizione di obesità è un BMI superiore a due deviazioni standard sopra la mediana.

Il 9° rapporto sull’obesità in Italia riporta i 4 fenotipi legati ad essa, con un profilo di rischio cardio-metabolico differente in base alla presenza o meno di criteri di sindrome metabolica, all’interno di uguali categorie di BMI.

  • Metabolically healthy obesity: i soggetti sono obesi secondo il BMI ma sono negativi ai criteri di sindrome metabolica; presentano un basso rischio cardiovascolare.
  • Metabolically unhealthy obesity: i soggetti, obesi secondo il BMI, sono positivi ai criteri di sindrome metabolica; presentano un alto rischio cardiovascolare.
  • Normal weight obesity: i soggetti sono normopeso o in sovrappeso secondo il BMI ma risultano essere positivi ai criteri di sindrome metabolica; alto rischio cardiovascolare.
  • Sarcopenic obesity: i soggetti sono obesi secondo il BMI e presentano una significativa perdita di massa muscolare (sarcopenia).

Perché l’obesità rappresenta un vero e proprio problema da monitorare?

  • L’obesità è una delle principali cause prevenibili di mortalità e morbilità per molte malattie croniche; essa rappresenta un fattore di rischio per malattie cardiovascolari, diabete e tumori.
  • L’obesità è associata a una diminuzione dell’aspettativa di vita, che può variare dai 3,3 ai 18 anni, in base alla gravità. Gli italiani obesi vivono 2,7 anni in meno a causa del sovrappeso.
  • L’obesità è associata a grandi aumenti delle spese sanitarie ascrivibili principalmente alle complicanze legate all’obesità, più che alla malattia stessa. Questa è responsabile del 70 % di tutti i costi di trattamento del diabete, del 23% per le malattie cardiovascolari e del 9% per i tumori. In Italia il sovrappeso rappresenta il 9 % della spesa sanitaria e, difatti, riduce il PIL italiano del 2,8 %.
  • Per ultimo, ma non per importanza, l’obesità è una condizione che sta aumentando soprattutto nei bambini e negli adolescenti. In Italia, un bambino su tre è obeso, nella fascia di età fino agli 8 anni, e l’Italia è il IV Paese del mondo per bimbi obesi o in sovrappeso. Diverse evidenze scientifiche sottolineano come circa un terzo dei bambini e circa la metà degli adolescenti che sono in sovrappeso permangono in tale situazione da adulti; per cui, l’obesità pre e adolescenziale ha un forte potere predittivo della presenza di obesità in età adulta.

Le attuali classificazioni dell’obesità basate sull’indice di massa corporea, la circonferenza della vita e altre misure antropometriche, sebbene utili per gli studi sulla popolazione, presentano importanti limitazioni quando applicate agli individui nella pratica clinica. Infatti, questi sono elementi che non implicano necessariamente e in maniera attendibile un fattore di rischio o un cattivo stato di salute. Pertanto, queste misure non forniscono informazioni sulla presenza o l’entità di comorbidità o limitazioni funzionali che potrebbero guidare il processo decisionale negli individui.

Grazie al Morphogram è possibile stadiare il rischio associato all’obesità, con l’obiettivo di decidere strategie preventive e percorsi correttivi grazie all’identificazione e alla valutazione integrata e contestuale di più fattori di rischio con specifici cut-off presenti nella letteratura internazionale. I fattori di rischio utilizzati per il monitoraggio del rischio individuale sono i seguenti:

1) Rischio Sindrome Metabolica

2) Rischio Cardiovascolare (Circonferenza Vita)

3) Rischio Adiposità/Muscolarità WTR (Rapporto Vita/Coscia)

4) Rischio Apnea Notturna NHtR (Rapporto Collo/Altezza)

5) Volume Addominale Eccedente (VA+)

Grazie alla presenza di queste misure e dei relativi cut-off, si ha finalmente un criterio per una stadiazione dell’obesità fondata su una valutazione dello stato nutrizionale che dia peso effettivo ai fattori più strettamente legati a condizioni di interesse clinico-terapeutico, in modo da attivare e graduare il livello decisionale e prioritizzare gli interventi con maggior grado di appropriatezza e di efficaci.

FONTI:

  • WHO GHO 2020
  • OCSE, 2019
  • Engin A. The Definition and Prevalence of Obesity and Metabolic Syndrome. Adv Exp Med Biol. 2017;960:1-17.

Condividi questo articolo su

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Potresti essere interessato anche a questi articoli

Non solo un software, ma un metodo scientifico per la valutazione dello stato nutrizionale.

Con Morphogram PRO analizzi stile di vita, composizione corporea, fattori di rischio, dispendio energetico e fabbisogno nutrizionale, anche nelle visite online.

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI

Morphogram professional development

Iscriviti alla newsletter

Solo contenuti di valore per la tua
crescita professionale

Categorie articoli

Rimani sempre aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi aggiornamenti dal nostro Blog sulla nutrizione.